it
L'atelier di Giorgio Tentolini

L'atelier di Giorgio Tentolini

Munita di una torre di avvistamento, adattata a colombaia, l’antica casa di Giorgio Tentolini (Casalmaggiore, 1978), a Vicobellignano di Casalmaggiore (Cr), visibile anche dagli argini di golena del Po, vive di una duplice relazione ottica e spaziale col paesaggio circostante. Gli interni svelano ambienti di una certa ampiezza, propri di una casa padronale, e un’articolata stratificazione di spazi in altezza. È difficile stabilire se questa condizione abitativa abbia agito da stimolo per il suo lavoro, se proprio la torre-colombaia sia stata il suo primo pensatoio. Vero è che l’artista, dopo aver provato ad aprire uno studio a Milano, ha infine deciso di ritornare qui, benché il suo lavoro abbia ormai raggiunto una platea internazionale.

Se distacco, distanza, filtro della fotografia e dell’immagine digitale sono fra gli ingredienti concettuali ed operativi delle sue opere, può sorprendere l’assenza nell’atelier di immagini appese alle pareti e dello stesso strumento del computer, quasi fossero ormai inessenziali a una attività intensa e di alta specializzazione tecnica. Tuttavia questo sta ad indicare nel contempo che la concezione dell’opera è già avvenuta in altri spazi della casa o solo nella mente dell’artista.

Comunque è nello spazio luminoso e razionale dell’atelier che Tentolini realizza materialmente le sue stratificazioni di sagome ritagliate (carta, tulle o reti metalliche), operando sopra grandi tavoli che coprono quasi la stanza o sul piano inclinato di un vecchio tecnigrafo accostato ad una finestra al fine di poter controllare, a luce radente, il complesso gioco ottico della stratificazione. Non ci sono segreti di bottega per i suoi magici bassorilievi di ombre e di luci: tutto ciò che serve, quei pochi attrezzi e materiali impiegati sono sotto l’occhio di tutti: due grandi rotoli di rete metallica, alcuni gomitoli di fili, pinze, un paio di cesoie e un cesto dove riporre gli scarti. (Valter Rosa)

VISITA VIRTUALE ALL'ATELIER

Giorgio Tentolini partecipa alla mostra ATELIER. Artisti al lavoro con l'opera Afrodite Cnidia (2024) - courtesy Colossi Arte Contemporanea, Brescia.

L'Artista  è stato presente nella vita del Museo Diotti fin dall’inizio, a partire dalla personale Animula vagula blandula del 2007 e dalla successiva Typos del 2014. Ha partecipato anche a varie mostre collettive: Perpetuum Mobile (2011), Casalmaggiore contemporanea (2014), Colpire nel segno (2016), Leonardo da Vinci nella casa di Giuseppe Diotti (2020), fino all’attuale. Ricordiamo inoltre il suo contributo grafico al volume Museo Diotti. Guida creativa alle raccolte d'arte (2013), la donazione di due opere (una in acetato e una in rete metallica) e la concessione in comodato di una terza (in tulle), tutte presenti nel percorso espositivo.

www.giorgiotentolini.com

Programmazione

July 4, 2024

Come raggiungerci

Via Aldo Formis, 17 - 26041 Casalmaggiore (CR)